Come Scegliere un Conto Trading

Ci sono tanti piccoli accorgimenti che bisogna seguire per scegliere il miglior conto trading online, con grandi differenze non solo sui costi, ma anche sulle possibilità di ottenere dei risultati positivi in funzione delle proprie attitudini e dal trading adottato.

Innanzitutto il conto per fare trading online non va confuso con la piattaforma che permette di operare e rendere reali le varie scelte o strategie di investimento. Il primo aspetto da considerare è il tipo di trading online che si intende mettere in atto, se si vuole operare in totale autonomia o se si desidera anche un certo grado di formazione o consulenza, ed ancora gli strumenti finanziari sui quali fare trading.

Erroneamente si può pensare che questo tipo di valutazione vada fatto solo per la piattaforma di trading, e che la scelta del conto trading sia una mera conseguenza, così come è sbagliato scegliere solo in base ai costi senza rapportarli all’operatività vera e propria.

La scelta del miglior conto trading online: meglio quello delle banche o degli intermediari?
Se si desidera avere sotto controllo il proprio portafoglio di investimenti, ma senza doversi limitare solamente all’acquisto e vendita di azioni (o al massimo titoli di Stato), la scelta del miglior conto per fare trading diventa un po più complessa, ma anche più flessibile, in quanto si potrà optare di cambiare target di investimento, o strategia, senza dover rivoluzionare ogni volta la scelta fatta inizialmente.

La maggioranza delle banche offre un conto per fare trading online collegato al servizio di internet banking (che il più delle volte va attivato, così da pagare l’eventuale canone aggiuntivo legato all’accesso agli investimenti), con costi fissi bassi (anche di custodia) e l’applicazione di commissioni variabili a seconda dei vari strumenti finanziari acquistabili.

Ci sono delle banche che estendono la possibilità di fare trading anche al forex. In ogni caso bisogna sempre scegliere il miglior conto di trading online sulla base del “volume” di operazioni o investimenti che si intendono fare ed, in particolare, in funzione di due considerazioni fondamentali e cioè che
nella maggioranza dei casi le banche riducono le commissioni variabili all’aumentare delle operazioni effettuate;
in alternativa offrono dei “pacchetti” che comprendono un cento numero di operazioni o un certo controvalore di operatività.

Conclusioni sul conto trading online
Non bisogna mai dare per scontato che quella che risulta essere la migliore banca per le proprie necessità quotidiane (come conto corrente, carte di pagamento, ecc), sia anche quella in grado di offrire il miglior conto trading online. La possibilità di aprire conti online solleva da alcuni costi come quelli di apertura, chiusura e gestione, per cui è possibile, se non preferibile, avere rapporti aperti con differenti banche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *