Mutuo e Spese di Perizia

Le spese di perizia, pur non rappresentando una voce di costo molto elevata, rappresentano tuttavia una delle spese più fastidiose da pagare nella fase di richiesta di un mutuo, soprattutto per il fatto che non viene lasciata libertà di scelta (tranne che in qualche caso eccezionale) al richiedente il mutuo, ma sarà la stessa banca a scegliere un professionista di sua fiducia. Il costo della perizia è molto variabile, e va da poco più di 200 euro, fino a circa 600 euro. Alcune banche legano il costo delle spese di perizia al valore dell’immobile, a sua volta collegato all’importo richiesto, con un tariffario che sale, al crescere di tali importi.

Anche se spesso la banca afferma i richiedenti del mutuo che la perizia viene fatta soprattutto nei loro interessi, ciò non corrisponde al vero. Infatti la banca attraverso la perizia consegnata dal tecnico incaricato, si assicura che il valore dell’immobile di fatto è in linea con il prezzo di compravendita e di conseguenza la cifra di mutuo richiesta rientra nelle percentuali che la banca prevede.

Inoltre il perito si accerterà anche del fatto che non vi siano ipotesi di abuso edilizio o altre situazioni ostative all’erogazione del mutuo. I mutuatari non possono fare granché in questa fase, tuttavia sarebbe meglio inserire nel compromesso la clausola secondo la quale se la banca non dovesse trovare conforme l’immobile, l’acquirente potrà ottenere indietro la sua caparra senza penali.

Recentemente i criteri di scelta adottati dalle banche per la scelta dei tecnici di fiducia per l’esecuzione della perizia avveniva sulla base di conoscenze e collaborazioni consolidate, ma spesso non c’era uniformità di giudizio nella valutazione degli immobili. Ora le banche, o almeno la maggior parte di esse, passerà all’uso di tecnici con cui non ha rapporti diretti, ma inviati da società esterne che potrebbero essere la Crif o anche la Praxi. I periti così scelti effettueranno le perizie sulla base dei dati e delle quotazioni effettuate e raccolte dall’Agenzia delle Entrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *