Come Aprire un Negozio di Frutta e Verdura

Dopo la grande crisi delle piccole botteghe, iniziata intorno agli anni ’80, oggi possiamo assistere nuovamente al ritorno dei negozi di frutta e verdura, che in quegli anni erano stati soppiantati dalla novità dei grandi negozi di distribuzione, che proponevano anche prezzi competitivi e soprattutto garantivano la possibilità di fare la spesa in un unico negozio.

Per aprire un negozio di frutta e verdura oggi, in una realtà che piano piano sta ritagliando nuovamente degli spazi a questo tipo di attività, bisogna chiaramente prima di tutto capire quali possono essere i suoi punti di forza, soprattutto in relazione con la GDO – ovvero la Grande Distribuzione Organizzata, rappresentata da centri commerciali e grandi supermercati – che al giorno d’oggi non riescono ancora a garantire un buon rapporto qualità/prezzo nel mercato ortofrutticolo.
Una buona idea quindi può essere quella di mantenere i prezzi non eccessivamente elevati, ma soprattutto di assicurare un’ottima qualità dei prodotti presentati: è pertanto necessario contattare più di un fornitore per poter avere la miglior merce possibile al miglior prezzo per poter così offrire un ottimo prodotto ad un prezzo concorrenziale, e magari informarsi su quelli che possono essere i prodotti maggiormente consumati, in modo tale da rifornire il locale anche in funzione alle potenziali richieste ed ai potenziali futuri clienti.
Inoltre, non bisogna escludere la possibilità di recarsi personalmente al mercato dell’ingrosso – possibilità peraltro accolta da diversi negozianti – in maniera tale da scegliere i prodotti in base a freschezza e qualità: ciò chiaramente significa anche dover possedere una certa esperienza, o, al più – visto che l’esperienza si ottiene anche con il tempo – una buona dose di furbizia e scaltrezza.

Un banale esempio, in questo senso, può essere quello di porre i prodotti più consumati – per conoscere i quali può essere utile rivolgersi al fornitore stesso, anche in base alla zona in cui è posizionato il locale – nelle parti posteriori del negozio, in modo da “costringere” i clienti ad attraversare il locale intero passando così tra gli altri prodotti e magari acquistare anche altro, preferendo posizionare prodotti “superflui” come caramelle o altro nella zona più trafficata. Più in generale, vale comunque la regola del predisporre all’interno del proprio locale un’ampia gamma di scelta, per soddisfare le esigenze di più clienti, dagli anziani che preferiscono fare gran parte della spesa in un unico negozio, ai giovani single che, tornando dal lavoro, acquistano qualcosa “al volo” prima di rientrare a casa.

Non bisogna chiaramente dimenticare che un buon atteggiamento nei confronti del cliente, la presentazione del prodotto e l’arredamento del negozio – nel suo insieme di colori e luci – fanno decisamente una buona parte: infatti, come è ovvio per ogni attività, gentilezza ed attenzione verso i clienti, attenzione verso il prezzo, ma anche presentazione della merce sono decisivi per la crescita dell’attività stessa. E soprattutto, grande spirito di sacrificio e disponibilità a non lasciarsi scoraggiare dalle lunghe giornate lavorative: infatti, se scegliete di recarvi in un mercato all’ingrosso, è necessario alzarsi molto presto ed affrontare la giornata sin dalle prime ore del mattino.
Per quanto concerne la parte burocratica, per aprire un negozio di frutta e verdura è importante avvalersi dei consigli della Camera di Commercio del Comune ove andrete a posizionare il locale, tenendo presente che le normative sono comunque uguali a quelle di tutte le attività commerciali.

Come Aprire un Internet Point

Se avviare un’attività dedicata alla distribuzione di film (una videoteca, appunto, dove vendere o in alternativa proporre il noleggio di videocassette e dvd), può essere rischioso perché con l’avvento tecnologico ed informatico di oggi si tratterebbe comunque di un settore sorpassato e “di nicchia”, un tipo di attività che invece non possiamo definire del tutto superata è quella dell’ Internet Point.

Certo, con alcune dovute premesse ed attente valutazioni: aprire un Internet Point ha infatti, come tutte le attività, i suoi rischi e svantaggi ma anche i suoi vantaggi. Parliamo prima di tutto dei rischi e degli svantaggi: vista soprattutto la stragrande maggioranza di persone che sono in possesso di una rete internet personale (a casa o in ufficio), il bacino di possibile utenza è chiaramente molto ristretto, anche perché oggi grazie alle offerte telefoniche degli operatori, anche sui telefonini è possibile avere un collegamento ad internet, spesso con tariffe fisse o ridotte.

Pertanto, in una situazione come questa appare piuttosto difficile trovare una soluzione che riesca ad attirare l’attenzione di più clienti possibili: attenzione però, abbiamo detto che è difficile ma non impossibile.
Uno dei vantaggi principali di questo tipo di attività è quello che si presenta come un’attività abbastanza flessibile, dove l’attenzione non è rivolta esclusivamente al lato prettamente comunicativo, ma anche ad altri tipi di servizi. Vi è mai capitato di entrare in un Internet Point? Se la risposta è sì, sicuramente avrete avuto modo di notare che i servizi offerti da questa attività sono molteplici, e non si limitano quindi alla sola offerta una rete Internet.
E se è vero che oggi la maggioranza delle persone possiede una propria connessione ad internet, è anche vero che non tutti possono usufruire di un vero e proprio ufficio per inviare un fax, o per stampare un documento: certo, molti hanno a casa propria una stampante o un fax, ma non è sicuramente la maggioranza.

Il consiglio che vi diamo, pertanto, se volete essere al passo con i tempi, è quello di dedicare l’attenzione a servizi di ogni tipo, puntando sempre sulla qualità dei servizi offerti e su un servizio di formazione dedicato ai prodotti digitali e all’utilizzo della rete internet: un’idea piuttosto utile potrebbe essere infatti quella di proporre dei preventivi per la “costruzione” di siti internet ad hoc, magari avvalendosi di proprie conoscenze informatiche o “assumendo” un tecnico che se ne occupi.
Inoltre, nella vostra attività di Internet Point non dovranno mancare postazioni pc con accesso ad Internet, e strumenti tecnologici all’avanguardia che soddisfino le esigenze di tutti, stampanti, scanner, fotocopiatrici, materiali da ufficio, servizi di fax, ecc.
Più servizi offrirete all’utente finale, maggiore sarà l’affluenza di clientela di ogni genere: dal giovanissimo che vuole navigare su Internet, al docente che ha l’esigenza di stampare un documento o di inviare un fax, al cliente che necessita di un sito internet ma non sa a chi rivolgersi.

Ulteriormente utile potrebbe inoltre essere l’idea di avviare degli interessanti e stimolanti corsi formativi per chi non si sia mai avvicinato al mondo tecnologico ed informatico ed abbia finalmente deciso di farlo, utile può essere l’organizzazione di corsi formativi per la terza età.
Dal punto di vista logistico, un consiglio utile può essere quello di sfruttare, in questo tipo di attività più che mai, una posizione strategica che invogli più utenti possibili ad entrare nel vostro negozio: un’idea può essere quella di localizzarvi in una zona turistica, magari nei pressi del centro storico della città, vicino alle scuole ed alle Università, proponendo una serie di servizi che siano adatti a tutti, tra cui corsi di formazione, stampe digitali, vendita di prodotti per stampanti, telefonia Voip, invio e ricezione di dati via file o via fax, stampa e rilegatura di tesi.

Come muovere i primi passi dal punto di vista burocratico?
Per aprire un Internet Point dovrete chiaramente svolgere tutte le normali procedure di avvio attività (tra cui apertura partita iva, denuncia inizio attività ecc.), ma è anche necessaria l’autorizzazione del questore che dovrà rilasciare la licenza per l’apertura del locale, e comunicare al ministero delle comunicazioni che si esercita un’attività prevalentemente basata sulle telecomunicazioni.

Come Aprire Gioielleria in Franchising

L’azienda viene fondata nel 1968 qunado comincia a creare monili e gioielli artigianali, che conquistano subito un grande successo, tanto che già nel 1971 viene fondata la Enny Bijoux. Il successo delle creazioni è sempre crescente tanto che, nel giro di pochi anni, aprono numerose boutique mono-marca che aiutano i prodotti a farsi conoscere anche nell’ambiente della moda. Infatti, negli anni ’80 e ’90 le modelle di numerosi stilisti come Laura Biagiotti, Lancetti, Krizia e anche di molti altri, sfilano sulle passerelle indossano tutti gioielli di Enny Monaco. Nel 2009 l’idea di ampliare la propria attività attraverso la formula del franchising.

Inizialmente i prodotti creati ed offerti nelle linea Enny Monaco erano esclusivamente di oro e platini, poi per ampliare la clientela e poter accontentare anche quella più giovane sono stati utilizzati materiali più accessibili come l’argento e l’acciaio. I prodotti che si possono trovare all’interno di un punto vendita in franchising Enny Monaco sono tutti di ottima qualità, creati artigianalmente e dal design rigorosamente made in Italy.

Se si vuole aprire un negozio in franchising Enny Monaco sarà necessario un investimento iniziale compreso tra i 25.000 e i 35.000 euro che comprenderanno l’arredamento e la prima fornitura. Non sarà richiesta nessuna royalty, nessuna fee d’ingresso e nessuna fideiussione a garanzia. Il franchising Enny monaco garantisce un’assistenza continua durante tutta la durata del contratto, che generalmente è di 5 anni. Non viene richiesta nessuna esperienza pregressa nel settore in quanto il franchising Enny monaco si occupa della formazione del personale sia in fase di preapertura che in fase di post apertura. Garantisce una zona in esclusiva.

Il locale deve avere una metratura tra i 25 e i 45 mq, deve trovarsi in centri storici, centri commerciali o in via ad alto passaggio.

Come Fare Colloquio di Lavoro al Telefono

Quando pensiamo ad un colloquio di lavoro ci immaginiamo seduti davanti a una scrivania. Davanti a noi un ipotetico datore di lavoro che sembra incapace di sorridere e il vostro umore sotto i piedi ogni volta che la persona davanti a voi sembra completamente disinteressata alle cose che state dicendo. Fortunatamente la scena non è sempre così deprimente, ma non è neanche detto che sia sempre un colloquio faccia a faccia.

Quando un azienda cerca nuovo personale da assumere, cerca di fare alcune prime selezioni senza vedere neanche in faccia i candidati. Prima fase: cestinare i curriculum che si presentano disordinati e con errori grammaticali. Seconda fase: leggerli velocemente e capire chi ha o non ha le competenze giuste. Terza fase: contattare i potenziali dipendenti.

La fase del contatto spesso si trasforma in colloquio informale e sarà questo il metodo utilizzato per fare l’ultima grande divisione tra chi merita di essere incontrato e chi invece sarà liquidato senza troppe motivazioni. Come avviene il contatto? Le opzioni oggi come oggi sono due. O dovrete affrontare un colloquio telefonico o attraverso Skype.

Il colloquio telefonico è quello che ci interessa oggi. Non esistono delle regole specifiche per “sfondare” in questo genere di contatto, ma dovete fare in modo che vi venga offerta la possibilità di un colloquio faccia a faccia. Ecco alcune piccole cose da ricordare:

Se state guidando, siete in un momento di confusione totale o sapete che non avete molto tempo per parlare, chiedete subito in maniera molto gentile se potete richiamare voi in un secondo momento così da parlare bene.

Segnatevi indirizzi, numeri e qualsiasi altra cosa che rischiate di dimenticare. Se ottenete un colloquio non potete certo richiamare per sapere dove si trova il posto.

Date risposte sicure e non balbettate, farsi prendere dall’ansia non è il metodo migliore per fare buona impressione. Preparate un elenco di pregi e difetti, visto che è una domanda comune. Per fare questo può essere utile questa guida sul sito Colloquiodilavoro.net.

Non interrompete mai il vostro interlocutore. Risulta essere segno di maleducazione.

Spesso il colloquio telefonico dona una maggiore sicurezza, ma ricordatevi di non spacciare per vostre delle competenze che non possedete. Se ottenete un colloquio (cosa sperata) rischierete dopo di fare una figuraccia nel dimostrare di non essere assolutamente capaci di svolgere mansioni di cui avete vantato una grande padronanza.

Molto interessante.

Come Lavorare in Banca Popolare di Bari

I candidati che decidono inviare il proprio curriculum alla banca popolare di bari, devono sapere che esistono diverse possibilità d’impiego. L’invio del documento è consentito solo scrivendo all’indirizzo email: servzio_personale@popolarebari.it.
Inoltre dovrete confermare che i dati personali trasmessi alla Banca Popolare di Bari, vengono inviati per proporre un rapporto di lavoro e di conseguenza saranno trattati dalla banca stessa con modalità cartacee ed elettroniche.

Il primo sportello della Banca Popolari di Bari fu aperto nel 1960 e nessuno pensava che nel giro di pochissimo tempo sarebbe nata una realtà forte e dinamica. Dopo 50 anni la Banca Popolare di Bari può vantare di essere il polo creditizio di riferimento nel mezzogiorno, una banca che grazie alle continue acquisizione e scelta si è fatta strada in tantissime regioni.

I valori della Banca Popolare di Bari sono molteplici
– Cura nel trovare soluzioni economiche e finanziarie personalizzate
– Affidabili nel tempo per essere sempre un punto di riferimento per investitori e risparmiatori
– Rispetto nei confronti dei clienti
– Passione nel crede che il tempo dei clienti è un valore prezioso da rispettare
– Impegno con grinta per garantire la migliore formula di efficienza.

Entrare a far parte della Banca Popolare di Bari significa avere una laurea in scienze economiche e aver avuto una breve esperienza in questo settore. Ovviamente non mancano possibilità di sbocco per neolaureati che vogliono intraprendere un percorso di stage all’interno della Banca Popolare di Bari.

Inviate la vostra candidatura spontanea e preparatevi ad affrontare colloqui conoscitivi mirati e test attitudinali che permetteranno alla società di conoscere tutte le informazioni su di voi.