Come Utilizzare l’Indicatore RSI

Molti hanno iniziato il loro percorso nel trading o in qualsiasi altro mercato finanziario utilizzando indicatori tecnici come se fossero tutti potenti oracoli, ma questo non è vero. Oggi si discuterà l’uso dell’indicatore RSI , uno strumento utilizzato da molti commercianti nelle loro strategie di trading. Un errore che molti principianti fanno, è quello di credere che i segni della RSI ( Relative Index Strench ) sono indicativi per entrare o uscire dal mercato. Ho imparato che se la RSI è superiore a 70, vendo, e se è al di sotto di 30, compro. Tuttavia, gran parte del tempo è mantenuto tra 40 e 60 e non si sa bene quale sia la cosa migliore da fare.

Un vero esperto dirà loro che non si può fare affidamento esclusivamente sulla RSI, e bisogna prendere decisioni per quanto riguarda le nostre operazioni nel mercato

In generale , gli indicatori utilizzati in combinazione con altri indicatori possono identificare e confermare eventuali compravendite. Inoltre, secondo alcuni esperti , la RSI ha soltanto un valore significativo rispetto ad altri indicatori .
In secondo luogo , anche se si utilizza solo la RSI , o se utilizzato in combinazione con altri indicatori , la “regola ” per comprare / vendere i livelli sulla base di 70 /30, non una regola in realtà, ma piuttosto una guida . In genere , quando l’RSI è al livello 70 si ritiene che il mercato è “ipercomprato ” . Invece , quando a livello 30 si dice che il mercato è ” ipervenduto ” . Tuttavia, nonostante queste letture potrebbero essere considerate in questo modo , il commerciante dovrebbe tenere conto di altri fattori nella RSI , come il tempo di movimento in ambo livello 70 o 30 , quanto tempo è rimasto l’indicatore all’interno di uno o di un altro livello e la volatilità del mercato globale durante lo stesso periodo di tempo analizzato .
Due dei migliori indicatori da utilizzare in combinazione con l’RSI sono il MACD ( Moving Average Convergence Divergence) e l’oscillatore stocastico.

Entrambi gli indicatori forniscono informazioni sulla quantità di moto , che permette all’operatore di confrontare con le informazioni che l’RSI sta fornendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *