Come Diventare Guida Turistica

na guida turistica è una figura professionale molto preparata, che si occupa di accompagnare le persone durante la visita di monumenti, musei, chiese e opere d’arte, scavi archeologici e gallerie, offrendo loro tutte le informazioni utili, mostrandone il valore storico, artistico, culturale.

Al contrario di ciò che si potrebbe pensare, non è necessaria una laurea per esercitare la professione di guida turistica.

In seguito alla riforma della legislazione nazionale sul turismo, per lavorare come guida turistica, bisogna superare un esame di ammissione, che abilita all’esercizio della professione.

I requisiti sono:

1) aver raggiunto la maggiore età

2) avere come titolo di studio almeno il diploma di scuola superiore

3) aver frequentato un corso di formazione professionale come guisa turistica

4) conoscenza di almeno una lingua straniera

C’è una valida eccezione per i laureati in lettere, con indirizzo archeologia o storia dell’arte, che possono lavorare come guide turistiche senza effettuare l’esame di abilitazione.

Si tratta di un’attività di tipo spiccatamente culturale, bisogna dunque avere un’ottima preparazione di base. Il background culturale è fondamentale per lavorare come guida turistica e offrire un ottimo servizio.

Una buona guida turistica deve dunque unire competenza, professionalità e ottime capacità comunicative e descrittive.

Tuttavia bisogna anche considerare che la professione di guida turistica vincola al territorio nel senso che l’esame di abilitazione vale solo per quella provincia. Chi volesse lavorare come guida turistica in un’altra provincia deve sostenere una seconda volta l’esame.

Una delle competenze più importanti della guida turistica è la specializzazione in una lingua: non solo inglese e francese, ma anche lingue più “inusuali”. Il flusso dei turisti in Italia è molto vario. Il nostro Paese è costantemente visitato da tedeschi, giapponesi e russi.

Lavorare come guida turistica: la formazione
Abbiamo detto che per diventare guide turistiche è necessaria una solida formazione culturale: liceo classico o anche un indirizzo di studi specifico. La laurea in lettere apre le porte alla professione, ma anche una laurea che riguarda i beni culturali va benissimo.

Strategie Forex – Pennant Pattern

Il Pennant è un pattern (il pattern è una combinazione ricorrente di candele) molto utile per i traders nell’analisi del marcato. Il Pennant Pattern è stato ideato, originariamente, per catturare i break out che caratterizzano il mercato del Forex. Oltre al mercato del Forex il Pennant Pattern può essere applicato anche ad indici, commodities o azioni individuali.

Il pattern è formato da un pennone seguito da una bandiera.
Il pennone deve essere di almeno tre candele e corrisponde ad un brusco movimento, in rialzo o declino, del prezzo di mercato al quale segue il consolidamento. Il consolidamento si raffigura con la bandiera che prende forma al decrescere della volatilità.

Scheda Strategia Pennant Pattern
Adatta per: Indici (FTSE, DAX, AEX…), Forex (EUR/USD, GBP/USD …), Commodities (petrolio, oro…), Azioni
Strumenti: Futures, CFDs e Forex
Operatività tipo: Day trading
Frequenza di trading: 2-3 segnali alla settimana
Con WHS ProStation: Manuale
Con WHS FutureStation: Manuale o (semi-)automatico

Strategia Pennant Pattern

pennant pattern

Nel pennant pattern tutte le candele che seguono l’ultima candela del pennone devono essere candele inside, ovvero avere gli estremi inferiori alla candela precedente.

Questa strategia è usata per il day trading con un timeframe di 10 minuti ma va sottolineato che i segnali sono rari.

Per aprire una posizione bisogna aspettare che si apra il segnale buy che si attiva quando il prezzo del mercato si porta sopra il massimo della terza candela del pennone.

Il segnale short sell, invece, si attiva nel momento in cui il prezzo del mercato si porta al minimo della terza candela del pennone.

E quando va chiusa la posizione? Nella strategia Pennant Pattern esistono due diversi tipi di stop e un profit target. Il profit target è cinque volte l’average true range (ATR).

L’ampiezza del ATR serve per catturare eventuali break out.
I due stop, invece, proteggono la posizione: lo stop fisso protegge una posizione long, al livello del punto inferiore della seconda candela del pennone, e una posizione short al punto più alto della seconda candela del pennone. Il trailing stop è cinque volte l’ATR calcolato su 60 periodi.

Conclusioni

Come precedentemente sottolineato, la Pennant Pattern è una strategia di day trading che si focalizza su brevi e rapidi break out del prezzo e ciò la rende utile nel mercato del F

Numerazione dei Libri Contabili

Come risulta essere noto, è stata abolita la vidimazione dei libri contabili, di seguito riportiamo la corretta procedura di stampa dei libri.

Ogni foglio dovrà riportare i seguenti dati
Dati del contribuente
Numerare la pagina anteponendo l’anno contabile al numero di pagina
La numerazione di libro giornale, libro inventari e registri Iva, deve essere preceduta dall’anno a cui fa riferimento la contabilità e non quello in cui è effettuata la stampa delle pagine. Sarà sempre possibile numerare preventivamente i registri, in questo caso le pagine numerate e non utilizzate nel corso dell’anno di riferimento, saranno poi inutilizzabili. Per i registri precedentemente vidimati con il vecchio sistema sarà possibile seguire la vecchia procedura fino ad esaurimento delle pagine.

Pertanto ad ogni anno contabile la numerazione partirà da ZERO, 2018/1 – 2018/2 ecc.. e poi 2019/1 – 2019/2 ecc..

Il pagamento dell’imposta di bollo può essere assolto mediante
L’applicazione di marche da bollo o del bollo a punzone sulla prima pagina numerata
Il versamento con il modello F23 secondo quanto previsto dal DL. 237/1997, in questo caso gli estremi della ricevuta di pagamento vanno riportati sulla prima pagina di ciascun libro o registro.
Il codice tributo da utilizzare per questo versamento è il 458 T – “Imposta di bollo su libri e registri”.
Le marche vanno applicate ogni 100 pagine o frazione di esse, che il contribuente ha effettivamente utilizzato ed indipendentemente dall’anno a cui si riferisce la numerazione progressiva. Se ad esempio, il libro giornale viene utilizzato per le scritture dell’anno 2005 fino alla pagina numero 2005/90, l’imposta di bollo versata attraverso le marche applicate a partire dalla pagina 2005/1 sono valide fino alla pagina 2006/10.

Per quanto attiene al libro giornale ed al libro inventari sono considerate regolari le scritture registrate con una data successiva a quella di pagamento dell’imposta di bollo. Ad esempio, se sul libro giornale inizio a registrare a partire dall’1/1, l’imposta di bollo dovrà essere pagata al massimo entro il 31/12.

Per la contabilità tenuta con supporti informatici, il termine di registrazione è di 60 giorni rispetto alla data in cui l’operazione è stata effettuata. Quindi per un’operazione compiuta l’1/5 c’è tempo per la registrazione fino al 30/6 e quindi si può versare l’imposta di bollo il 29/6.

Di seguito i registri per i quali non è più necessaria la vidimazione e l’assolvimento dell’imposta di bollo, per detti libri rimane solo l’obbligo della numerazione progressiva prima dell’utilizzo del registro o della pagina.
Registro iva vendite.
Registro dei corrispettivi.
Registro Iva Acquisti.
Registro Unico IVA.
Registro riepilogativo.
Registro delle lettere d’intento.
Registro per il mancato funzionamento del registratore di cassa.
Registro Cespiti, relativamente a cui è possibile vedere questa guida sui cespiti su Dizionarioeconomico.com.
Registro cronologico degli incassi e pagamenti.

Si tratta quindi di regole piuttosto semplici.

Smarrimento Bancomat – Cosa Fare

Non è ciò che ci si augura, d’accordo, tuttavia può sicuramente capitare di perdere la nostra carta bancomat. Proprio perché può capitare di trovarsi in una delle situazioni di emergenza descritte in precedenza, è bene sapere quale tipo di comportamento avere e come comportarsi in modo da limitare subito eventuali danni e non correre rischi.

Nel caso in cui si tema lo smarrimento del bancomat o della carta di credito, è fondamentale procedere al blocco, mettendosi in contatto con l’apposito numero verde. In Italia, è piuttosto semplice effettuare questa operazione, dato che si tratta di un unico numero uguale per tutte le carte bancomat, quale che sia la banca emittente, grazie alle disposizioni della SIA. Certamente, è sempre possibile contattare il proprio istituto di credito e chiedere il blocco senza telefonare a tale numero che però sarebbe meglio se fosse segnato sulla rubrica telefonica di casa oltre che sul proprio cellulare.

Se, invece, ci si trova all’estero, la comunicazione dovrà essere fatta attraverso appositi numeri, diversi a seconda dello stato nel quale si è in visita. Bisogna sempre procedere tempestivamente al blocco, poiché fino a quando non si effettua comunicazione di smarrimento, qualunque operazione risulti effettuata sarà addebitata all’utente, pur se non da esso compiuta.

In taluni casi, per fortuna sempre più rari, le banche continuano a prevedere una franchigia di 150 euro a carico del cliente, anche dopo la segnalazione: informarsi prima di aprire la propria posizione bancaria presso tali istituti di credito può farci acquisire informazioni determinanti per scegliere la nostra banca di fiducia.

Strategie Forex – Volatility Rider

La strategia Volatility Rider è una stategia messa a punto per controllare i break out, degli importanti cambiamenti di volatilità da molto bassa a bassa, a media e ad alta. Questi cambiamenti di volatilità sono molto significativi ed indicativi per tutti i trader.

La strategia Volatility Rider utilizza un nuovo e specifico indicatore ideato da Claus Grub, un trader tedesco ed è una strategia di day trading per spot forex e futures su divise.

Prima di descrivere la strategia che si occupa della volatilità cerchiamo di comprendere cosa sia la volatilità.

La volatilità indica la differenza che esiste tra i prezzi massimi e minimi che ci sono sul mercato.

I traders, solitamente, per misurare la volatilità usano l’Average True Range (ATR) o la deviazione standard, Standard Deviation.

Scheda Strategia Volatility Rider
Adatta per: Forex (EUR/USD …)
Strumenti: Currency futures e Forex
Operatività tipo: Day trading
Frequenza di trading: 1 segnale al giorno
Con WHS ProStation: Strategia non disponibile
Con WHS FutureStation: Manuale o (semi-)automatico

Strategia Volatility Rider

Questi sono degli indicatori classici della volatilità che non si basano sull’indicatore VolaRider studiato per la nuova strategia. Questo indicatore applica il concetto di stocastico alla deviazione standard e il risultato di questa combinazione è un valore percentuale che va dallo 0%, volatilità più bassa, al 100%, volatilità più alta. In timeframe brevi il valore della volatilità sarà molto vicina ad uno di questi due estremi, raramente si trova nel mezzo.

Come ogni indicatore che si esprime in percentuale è necessario che si definiscano dei livelli di soglia che in questo caso variano dal 21% all’89%. Alla soglia minima del 21% è giusto ritenere che la volatilità si presta ad accelerare mentre all’89% la volatilità si dirige verso il massimo valore per poi decrescere. Questo ultimo parametro indica che il break out sta perdendo forza.

La strategia Volatility Riders si applica ad un grafico a dieci minuti. Il segnale che indica quando è possibile aprire una posizione parte quando l’indicatore oltrepassa la soglia del 21%. La direzione del segnale (buy o short sell) non è determinata dall’indicatore ma da un filtro di trend che si basa sulle medie mobili esponenziali.
Quando il filtro trend è rialzista compare un segnale buy (triangolo verde sul grafico) nel caso opposto, trend ribassista, comparirà il segnale sell (triangolo rosso sul grafico).

Il momento in cui chiudere una posizione è segnalato da una combinazione di due stop senza alcun profit target.
Il primo stop è un trailing stop che si trova alla distanza 3x ATR calcolata su 24 periodi. Il secondo stop invece si attiva quando l’indicatore incrocia la soglia dell’89% e in questo preciso momento lo stop si mette al livello di chiusura della candela precedente.

Conclusioni

Questa nuova strategia, che si basa sull’indicatore sviluppato da Claus Grube, ha lo scopo di monitorare e visualizzare l’evoluzione e l’andamento della volatilità. È una strategia di day trading e si adatta al trading delle valute quindi utili per lavorare su spot e CDF Forex e Futures su divise.